Opinione: è tempo di sanzionare il titanio russo
CasaCasa > Notizia > Opinione: è tempo di sanzionare il titanio russo

Opinione: è tempo di sanzionare il titanio russo

Mar 20, 2023

Abbiamo assistito ad atti vergognosi e disumani inflitti all’Ucraina nell’anno successivo all’invasione della Russia. Gli Stati Uniti hanno definito l'aggressione di Mosca un crimine contro l'umanità. Eppure numerose aziende occidentali, tra cui molti nomi noti dell'industria aerospaziale, continuano a versare denaro nelle casse russe attraverso l'acquisto di titanio. È tempo di sanzionare il titanio russo.

VSMPO-Avisma è il più grande produttore di titanio e rappresenta il 90% della produzione russa. Il titanio prodotto da VSMPO è fondamentale per le industrie russe della difesa e del petrolio e del gas, entrambe oggetto di sanzioni aggressive da parte degli Stati Uniti e dell’Europa occidentale.

L'assetto proprietario di VSMPO-Avisma si è trasformato nel corso degli anni per creare distanza dal governo russo. Ma i principali proprietari dell'azienda, Mikhail Shelkov e Sergey Chemezov, sono direttamente legati al Cremlino e al presidente Vladimir Putin. Chemezov è sulla lista delle sanzioni statunitensi per il suo ruolo in Rostec, l’organizzazione ombrello che amministra centinaia di produttori di armi di proprietà statale.

VSMPO-Avisma si trova a Verkhnyaya Salda, parte della regione di Sverdlovsk. Questa zona è anche la sede di Uralvagonzavod, il più grande produttore di carri armati e altri veicoli meccanizzati utilizzati nella guerra in Ucraina e consumatore di titanio VSMPO. La regione è un importante centro industriale in Russia, e il suo governatore e altri leader dominano Mosca.

VSMPO-Avisma è diventato un fornitore e partner chiave dei produttori aerospaziali occidentali con l'introduzione del Boeing 787 e dell'Airbus A350 all'inizio degli anni 2000, offrendo nuove leghe, volumi aggiuntivi di titanio e forgiati di titanio grandi e complessi. Dal 2004 al 2014, VSMPO ha realizzato una delle trasformazioni industriali più significative nel settore aerospaziale. La partnership con gli OEM di aeromobili, benedetta dai governi occidentale e russo, ha facilitato miglioramenti ed espansioni presso VSMPO che sono stati un fattore chiave nell’aiutare la produzione di aerei commerciali a raggiungere livelli record.

Poi, nel febbraio 2014, la Russia ha invaso e successivamente annesso la regione ucraina della Crimea. Il mondo è rimasto scioccato e i governi occidentali hanno utilizzato le sanzioni per inviare un messaggio forte alla Russia. Ma il desiderio del governo americano di sanzionare il titanio russo si è scontrato con la fredda realtà che le industrie aerospaziali negli Stati Uniti e in Europa non potrebbero sopravvivere senza VSMPO. Semplicemente non c'era abbastanza capacità da fonti alternative. Le sanzioni avrebbero causato danni irreparabili al settore aerospaziale commerciale, con danni che si sarebbero riversati sull’industria della difesa e sull’economia in generale. Le sanzioni sono state accantonate.

La Crimea è stata un campanello d’allarme per Boeing e molti altri fornitori affinché riducessero la loro dipendenza da VSMPO. Lo sforzo durato anni ha permesso alla Boeing di prendere la decisione difficile ma giusta di disimpegnarsi dalla Russia quando ha invaso l’Ucraina l’anno scorso.

Altri OEM di aeromobili, insieme a grandi e piccoli fornitori aerospaziali e aziende del settore medico, hanno continuato ad approvvigionarsi e in alcuni casi addirittura ad aumentare la loro dipendenza da VSMPO. Alla domanda sul perché utilizzino ancora il titanio russo per le loro attività commerciali, la risposta è: “Non sono in vigore sanzioni ed è conveniente”. Mesi dopo l’inizio della guerra in Ucraina, Airbus ha finalmente annunciato l’intenzione di disimpegnarsi da VSMPO quest’anno. Ma i progressi sono stati lenti e l’amministratore delegato dell’azienda continua a sostenere che le sanzioni sul titanio russo causerebbero danni significativi all’industria aerospaziale europea.

Tali argomentazioni ignorano il fatto che il nostro settore si trova in una situazione diversa rispetto al 2014. I tassi di produzione, pur in ripresa, sono inferiori e le scorte di titanio sono considerevoli dopo le interruzioni della produzione all’inizio della crisi COVID-19. L’industria è molto meglio posizionata per assorbire l’esclusione di VSMPO.

Non ci sarà momento migliore di adesso per imporre sanzioni sul titanio russo. Anche se le sanzioni non rappresenterebbero un duro colpo economico per la Russia, i loro effetti sarebbero avvertiti dai proprietari del VSMPO e dalla popolazione e dai leader della regione di Sverdlovsk. E l’uscita degli acquirenti occidentali dalla VSMPO imporrebbe anche un massiccio spostamento dei costi per le industrie russe della difesa e del petrolio e del gas. In effetti, non sovvenzioneremmo più lo sforzo bellico russo.